Evviva il re

  • Scritto il:
King%201986

Sin dall'uscita, le King Boot sono state una parte iconica della Collezione Puma, e l'unico pezzo fisso.

Le prime scarpe King furono prodotte nel 1968 come omaggio a Eusébio, vincitore della Scarpa d'Oro FIFA 1966.

Sono state indossate dai più grandi giocatori del mondo durante i più importanti momenti calcistici della storia. Le portava Pelé nell'anno in cui la sua fama leggendaria veniva consacrata con l'incoronazione a Re del 1970, anno in cui guidò il suo Brasile alla vittoria nella finale della Coppa del mondo FIFA™ e fu nominato 'Giocatore del Torneo" nella Coppa del Mondo in Messico.

Quattro anni più tardi il Re del 1974 era un certo Johan Cruyff, anch'egli nominato 'Giocatore del Torneo' e giocatore europeo dell'anno per la seconda volta di seguito, che mostrava al mondo cosa fosse il calcio totale.

È anche la scarpa indossata da Maradona quando è stato Re del 1986 ed è passato alla storia per aver segnato dribblando sei giocatori con quello che è stato definito "Il goal del secolo".

La concorrenza tra gli aspiranti Re di questo fantastico sport è più agguerrita che mai. Il fatto che vi siano più giocatori e questi abbiano a disposizione tecnologie e metodi di allenamento avanzatifa sì che i futuri Re del calcio debbano soddisfare e superare standard più elevati.

Oggi, oltre al lancio della nuova collezione King, PUMA festeggia i Re di oggi e quelli che verranno, che sono già splendidi monarchi ognuno del proprio regno.  Come ad esempio il portiere che gioca nella periferia a est di Newcastle che non ha lasciato passare una palla per oltre 90 minuti: è il Re dei 90 Minuti. Oppure il cannoniere della Roma che ha realizzato una fantastica tripletta per due partite di fila, ed è il Re della doppia tripletta. In base alle qualità dimostrate dentro e fuori dal campo, PUMA rende omaggio alle diverse tipologie di Re, quindi se desideri far conoscere al mondo le tue doti di sangue blu del calcio, vai alla pagina Facebook di PUMA per creare un poster che illustri le tue qualità.

Non dimenticare che c'è un Re in ognuno di noi.

Calcio